.
Annunci online

5 marzo 2011
LA NOSTRA STORIA
Il Sovrano Militare Ordine Romano-Adrianeo nacque agli inizi degli anni 80 del XX secolo in seguito alla riscoperta di un'antica strada che si chiamava Adrianea.Alcuni appassionati di storia ed archeologia ,già da tempo organizzatisi liberamente più che in un'associazione in un gruppo di amatori della materia ,decise ,magari un po pomposamente di trasformarsi in questo tipo di organizzazzione che però non fu mai trascritta in atti ufficiali ,ma rimase ,come il gruppo fondatore,libero da tali vincoli .Ognuno di loro per studio o passione confluì in una branca di quel sapere storico ed archeologico ,in modo che l'ORDINE FOSSE EDOTTO SUL SUO COMPITO ,quasi occulto di difendere ciò di più bello abbiamo in Italia :i beni culturali ,e la natura.I primi componenti furono di numero 12 ed ebbero come capo un Governatore ed una struttura molto semplice.Compilavano dossier sulle varie zone da tutelare o compromesse e nelle sedi competenti delle associazioni di cui ogni fondatore faceva parte portava la sua istanza.Perchè tutto ciò chiederete e non un'ufficializzazione dell'ordine come fanno le normali associazione. primo perchè di associazione ve ne erano fin troppe in quel contesto ed ognuno legate politicamente a partiti o gruppi di potere; secondo,una nuova associazione di quel tipo avrebbe messo in allarme tali associazzioni ,pronte ad emarginarli tramite i loro appoggi politici; terzo . la libertà del gruppo di potersi muovere in qquella giungla di nepotismi e clientrismi per poter raggiungere gli obbiettivi previsti dall'ordine,cose che spesso è avvenuto con la salvaguardia di pezzi di natura e di storia . creammo anche un vessillo che fu una BANDIERA VERDE CON AL CENTRO UNO SCUDO CON TORO NERO RAMPANTE. Quando ci trasformammo in Ordine la bandiera verde fu intramezzata da una striscia bianca e l'emblema rimase la stessa con qualche piccola varia zione. Nessuno ha mai saputo di noi ,ma abbiamo sempre ricercarcato il bene e la conoscenza cercando di far capire alle sorelle associazioni la strada retta e giusta ognuno consapevole del proprio ruolo. Come abbiamo detto in molti contesti ci siamo riusciti ,in altri l'ottusaggine ideologica o il legame opportunistico a determinati gruppi di potere non hanno sfondato la porta. Dopo tanto silenzio ritorniamo per dire qualcosa di noi ,anche se la vita ci ha portato in luoghi e ambiti diversi. Ci piacerebbe uscire al sole e come le altre associazioni fare direttamente la nostra politica ,però dobbiamo essere forti sia numericamente affinchè le nostre azioni siano sempre volte al successo . Salute a tutti Il Governatore
sfoglia
       luglio